Milleproroghe, posticipato lo smartworking. Aiuti per la digitalizzazione – Affaritaliani.it

Il decreto Milleproroghe è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ecco alcuni dei punti più importanti contenuti al suo interno.

Semplificazione per il collegamento digitale delle scuole e degli ospedali

Questa la dicitura dell’articolo 20 dove si legge che per i lavori relativi a collegamenti in fibra ottica ad alta velocita’ degli edifici scolastici del sistema nazionale di istruzione e e degli edifici ospedalieri “ove il primo nodo di rete disponibile si trovi entro una distanza massima di 4 km dagli edifici stessi, l’intervento di posa di infrastrutture a banda ultra larga da parte degli operatori, è eseguito mediante riutilizzo di infrastrutture e cavidotti esistenti o, anche in combinazione tra loro, con la metodologia della micro trincea attraverso l’esecuzione di uno scavo e contestuale riempimento di ridotte dimensioni (larghezza da 2,00 a 4,00 cm, con profondità regolabile da 10 cm fino a massimo 35 cm), in ambito urbano ed extraurbano, anche in prossimità del bordo stradale o sul marciapiede. L’operatore può utilizzare la linea realizzata ai fini della presente disposizione per collegare in fibra ottica ad alta velocità gli ulteriori edifici presenti lungo il percorso”. Si precisa inoltre sul sito corrierecomunicazione.it, come presente nel decreto che “qualora l’intervento di scavo di cui al comma 1 interessi esclusivamente sedi stradali asfaltate e non pavimentate, è sufficiente la sola comunicazione di inizio lavori all’ufficio comunale competente”

Sempre sul corrierecomunicazione.it Mira Fiordalisi sottolinea come un’altra importante novità introdotta nel decreto sia la proroga dello smartworking fino al 31 marzo 2021 come si legge nell’articolo 19 dello stesso dove si proroga la possibilità per i datori di lavoro di applicare la “modalità di lavoro agile ad ogni rapporto di lavoro subordinato anche in assenza degli accordi individuali previsti dalla normativa vigente” e nel contempo l’obbligo per gli stessi datori di comunicare il tutto al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

Altro importante articolo è il 3 che come spiega Mira Fiordalisi, riguarda le vendite online sulle piattaforme digitali :”incide sull’articolo 13 del decreto Crescita (D.L. 34/2019). Con la modifica apportata, l’efficacia della disposizione viene prorogata di 6 mesi. Per effetto della proroga, l’adempimento si applicherà fino al 30 giugno 2021″.

La lotteria degli scontrini, che ha riscosso discreto successo tra gli italiani, viene fissata nel mese di febbraio. Dunque rinviata rispetto alla data iniziale del 1 gennaio 2021.

In ultimo, sempre annoverato su corrierecomunicazione.it, il punto 10 dell’allegato 1 richiama l’art. 73 del decreto Cura Italia, ovvero le videoconferenze degli organi collegiali, che potranno proseguire fino al 31 marzo 2021.